Vendere efficacemente: col cuore o con la mente?

Indice dei contenuti

Affinché un determinato prodotto o servizio sia vendibile, la strategia che adottiamo non sempre dipende da quello che vorremmo proporre seguendo il nostro cuore…spesso invece è frutto di un lavoro di studio legato all’emotività del potenziale utente. Alcuni trucchi per trovare il prodotto giusto e vendere efficacemente.

Strategie per vendere efficacemente
Strategie di vendita efficaci

Una delle più grandi preoccupazioni degli imprenditori e dei venditori più ambiziosi è quella di presentare

LA MIGLIORE SOLUZIONE

o comunque un prodotto o servizio che rispecchi il miglior rapporto qualità/prezzo per vendere efficacemente.

Eppure negli anni le cose sono molto cambiate e i veri professionisti del settore sanno che non è proprio così.

Difficile immaginare che nel mondo non vi siano persone ambiziose, che magari sognano a occhi aperti di vivere una vita agiata con tutti i confort del caso.

Tuttavia molte di queste persone non fanno praticamente nulla per volgersi realmente in quella direzione.

Perché ciò accade?

Vendere efficacemente: viaggiare fuori dalla zona di confort

I testi di psicologia affermano che una delle forze più sconvolgenti della natura umana è la paura, anche se in realtà quella più allarmante è la staticità ovvero la condizione di abituarsi al non cambiamento.

Questa modalità di “lasciare tutto come sta” che caratterizza molte nostre scelte è certamente migliorabile con un po’ di esercizio.

LA FORMULA MAGICA

è

sforzo + tempo + investimento

Quello che facciamo per migliorarci e ci consente di acquisire qualità superiori non è mai gratis: richiede un certo sforzo, del tempo da dedicarvi e naturalmente investimenti in denaro.

Impegno che il potenziale cliente non è mai disposto a compiere.

Paura del nuovo in pratica

Per aiutarvi a comprendere il ragionamento, vi proponiamo alcuni esempi per aiutarvi a chiarire il concetto.

Esempio 1

Banalmente pensiamo a chi si rivolge al mondo della cosmetica e delle diete miracolose, spendendo montagne di soldi in inutili e spesso dannosi trattamenti. La soluzione ottimale sarebbe quella di evitare di mangiare cibo spazzatura, mangiare sano e fare attività fisica.

Ma poiché la soluzione più economica è anche la più faticosa,

si preferisce spendere denaro per prodotti anticellulite e via dicendo.

Esempio 2

Un software può rappresentare un valido aiuto per ottimizzare i processi aziendali, evitando quei mille post-it sparsi in ogni dove.

Eppure il pensiero che principalmente si presenta non è tanto acquistare il prodotto, quanto adottarlo in azienda e convincere i propri dipendenti a farlo.

Sfondare i muri della vendita

Dunque è importante capire che qualunque sia il prodotto o servizio che vendiamo, prima di poter conquistare l’ambizione della persona che ci troviamo di fronte, occorre riuscire a scavalcare il muro dell’inerzia.

Ricordatevi che tutta la vendita si basa puramente su reazioni emotive.

Per quanto tempo ed energie possiate dedicare a informare nel modo più completo il cliente su quello che il vostro prodotto o servizio è in grado di fare, queste informazioni non saranno mai sufficienti a rompere la barriera dell’acquisto, anche quando questo è davvero vantaggioso per il cliente.

Il segreto sta nello scatenare una reazione emotiva a cui segue poi la diponibilità a pagare quel miglioramento tanto decantato.

Non perdete tempo focalizzandovi su quanto è magnifico il vostro prodotto, sperando che da qualche parte la leva dell’ambizione si inneschi.

Le persone sono mosse razionalmente solo in risposta a uno stimolo emotivo. Senza quello stimolo al miglioramento, non vedremo mai un movimento a nostro favore.

Se vi interessa sapere come utilizzare meno tools digitali nella vostra attività potete dare un’occhiata al nostro articolo.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Orari Studio

Lunedì – Venerdì 9,00 /19:30

Per Appuntamenti

Ultimi Post

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Autore dell'articolo