MANUALE DELLE ISTRUZIONI ESTATE 2021

Articolo scritto da ed è stato letto 9787 Volte

A pochissimi giorni dall’attivazione dei nuovi provvedimenti adottati dal Governo per combattere la diffusione del Covid-19 ecco le novità da osservare.

🍸 🍔A partire dal 6 agosto infatti sarà necessario essere muniti di green pass o tampone negativo per entrare in ristoranti e bar al chiuso e poter consumare al tavolo, mentre non sarà necessario nel caso della consumazione al banco pur essendo al chiuso.

🟢 Il pass sarà necessario anche per accedere a:

  • parchi tematici
  • spettacoli
  • eventi e competizioni sportive
  • piscine, palestre e centri termali
  • sagre e fiere
  • congressi e concorsi
  • sale giochi e casinò.

Continueranno a rimanere chiuse le discoteche.

Fino al 30 settembre i prezzi dei tamponi saranno calmierati e lo stato di emergenza prorogato al 31 dicembre.

Ancora per qualche giorno il green pass sarà obbligatorio solo per accedere a residenze per anziani e celebrazioni quali feste di matrimonio.

💉 Basterà UNA sola dose o ne serviranno DUE per accedere?

Per ora sembra che basterà una singola dose per poter entrare in questi luoghi.

Come scaricare il green pass?

Una volta eseguita la vaccinazione il pass si genera in automatico e sarà valida a partire dal 15° giorno dal vaccino fino all’esecuzione della 2° dose.

Il certificato definitivo viene rilasciato entro 24/48 ore dalla somministrazione e avrà validità per nove mesi.

La piattaforma nazionale DGC invierà il codice per scaricare il pass agli indirizzi comunicati all’inizio (e-mail o sms), così da poter ottenere la Certificazione accedendo al sito www.dgc.gov.it, app Immuni o IO.

Cambio colore in…?

Oltre alle nuove regole che permettono l’accesso negli spazi indicati sopra, cambiano anche i criteri di definizione dei colori delle varie Regioni.

Il principale parametro considerato sarà il tasso di occupazione dei posti letto per pazienti affetti da Covid-19, distinto tra l’area medica e terapia intensiva.

Ad esempio per la zona bianca permarranno quelle zone che hanno un’incidenza settimanale di casi sotto i 50 ogni 100.000 abitanti per tre settimane consecutive e con tasso di occupazione dei posti letto sotto il 15% per l’area medica e sotto il 10% per la terapia intensiva.