05/08 2021

LANCIARE SPAGHETTI…E NON SOLO!

Articolo scritto da ed è stato letto 9654 Volte

Costruire una solida strategia di successo aziendale semplicemente gettando degli spaghetti al muro.

Nella lingua anglosassone esiste un detto davvero simpatico che recita:

Throw spaghetti against the wall and see what sticks!

Letteralmente significa “lanciare spaghetti contro il muro e vedere cosa rimane attaccato”.

Si tratta di un modo buffo ma efficace di spiegare la modalità di testare diverse tattiche contemporaneamente per identificare ciò che funziona (che si appiccica) da ciò che non funziona (cade a terra).

Ora…

C’è un problema con questo detto.

Cosa succede se proviamo a lanciare spaghetti crudi? Di certo non si attaccheranno! Finiremo con degli spaghetti crudi sparsi sul pavimento.

In altre parole, se si testano contemporaneamente più tattiche di marketing “non cotte” per vedere cosa “si attacca”, rimarremo delusi dai risultati. A peggiorare le cose si potrebbe giungere alla conclusione che nessuna delle tattiche funziona, anche se queste erano già condannate fin dall’inizio. Ancora una volta, gli spaghetti crudi non si attaccano alla parete.

Ecco perché prima di poter iniziare a cucinare un gustoso piatto di spaghetti, occorre avere ben in mente la ricetta finale che dovrà uscire: una carbonara, degli spaghetti al ragù ecc.

Ti sta venendo fame eh?

Comunque…

Allo stesso modo prima di lanciare una campagna di marketing occorre avere una chiara descrizione dell’obiettivo finale.

Per chi gestisce un business è bello sì avere tante idee in testa, eppure occorre capire quella più promettente e iniziare a lavorarci partendo non da un obiettivo generale quanto da un percorso SMART!

#1 Specificità à Siamo specifici e quantifichiamo l’obiettivo. Non basta dire “più contatti” o “più vendite”. Puntiamo invece su un numero specifico.

#2 Misurabilità à una volta che definito un numero come obiettivo, occorre avere un modo per misurare tale traguardo in modo da poter vedere se lo si è raggiunto.

#3 Accessibilità à non è un errore puntare in alto ma essere irrealistico sì. Utilizziamo la ricerca e i dati storici per proiettare un obiettivo raggiungibile con la campagna di marketing.

#4 Rilevanza à assicuriamoci che l’obiettivo faccia veramente la differenza per la nostra attività. Ad esempio, aumentare i Like di Facebook non è un obiettivo rilevante per nessuna azienda. Potrebbe essere un indicatore chiave che vale la pena monitorare, ma non è l’obiettivo. #5 Tempistica à qual è il termine per raggiungere il nostro obiettivo? Senza una scadenza, non possiamo aspettarci che noi o il nostro team abbiamo alcuna reale urgenza.