I 5 PEGGIORI ERRORI NEL MARKETING

Articolo scritto da ed è stato letto 9070 Volte

La top 5 delle strategie di marketing per aiutare la vostra azienda a crescere ed evitare clamorosi e banali errori di comunicazione.

Nel mondo del marketing capita che vengano ripetuti alcuni luoghi comuni che tuttavia possono essere altamente dannosi per l’immagine e per l’efficacia della vostra azione di marketing aziendale.

Eccovi la classifica dei 5 peggiori errori che potreste mai commettere!

Partiamo da una cosa apparentemente semplice: il sito internet.

Quello che vediamo sempre più spesso in giro è l’essenzialismo ovvero la riduzione all’osso dei contenuti, delle informazioni di base e dei riferimenti di contatto.
L’idea dietro questa mossa risiede nella visione secondo la quale eliminando le sottopagine e lasciando una sola pagina iniziale si sia maggiormente incuriositi da quello che si fa.

Non è così!

Una persona non agisce senza avere dei buoni motivi: non si va all’acquisto di un prodotto o servizio senza una valida ragione.
Spesso manca il tempo per aggiornare le pagine ma ne consegue che, tagliando sulle informazioni invece che rinnovarle,

GENERA UN EFFETTO BOOMERANG NON DA POCO.

Andiamo avanti.

L’argomento caldo numero 2 riguarda gli strumenti di comunicazione.
Quando si dice che tutto fa brodo e può contribuire all’efficacia della propria campagna di marketing, è anche vero che occorre valutare le caratteristiche di ciascun settore.
Quando ad esempio si promuovono dei servizi, i buoni risultati derivano dalla produzione di newsletter e di un sito internet focalizzati sui benefici che si ottengono dall’acquisto di questi servizi.
Le newsletter servono a stuzzicare la curiosità dei potenziali vantaggi che ne deriverebbero e questo concretizza e favorisce il processo decisionale del potenziale compratore.

Che dire poi delle ricerche di mercato? Non sono anch’esse una parte fondamentale della nostra azione?
Trovare il cuore pulsante del proprio mercato ci consente di sapere quali sono le tendenze mantenendoci in sintonia con altri impulsi di acquisto.
Può darci delle idee su come e quando lanciare i nuovi prodotti. La mancata osservanza di questo aspetto può avere effetti disastrosi sulla vostra attività.

Quarto punto della nostra hit di orrori madornali: l’improvvisazione.
Concentrarsi esclusivamente su azioni estemporanee può rappresentare una grave imprudenza.
Non confondiamo la pubblicità con il marketing!
Nei vostri acquisti, fate la vostra mossa dopo aver ascoltato una sola volta il messaggio?

Scambiare la tattica per strategia è un altro fallo da non commettere,

soprattutto se si vuole mantenere limitato l’investimento, non solo in denaro.
Ricordate che chi pubblica di frequente articoli e newsletter ottiene ottimi risultati semplicemente investendo in tempo.

L’ultimo elemento sul quale vorrei farvi riflettere riguarda l’importanza dell’immagine.

L’apparenza inganna – dicevano!

Eppure nel marketing gioca un ruolo altrettanto importante, senza il quale probabilmente non saremmo mai portati all’acquisto.

Ricordate che anche l’occhio vuole la sua parte.

Pensate per un attimo a quando andiamo a cena fuori: quella volta in cui abbiamo notato che la tovaglia del vostro tavolo era macchiata, alcune piastrelle rotte e il servizio era poco attento…

“Com’è possibile che il titolare possa ignorare questi elementi? Questa negligenza si riflette anche in cucina?”

Avrete pensato anche voi a queste fras, o no?!

Quelle presentate sono tutte sbavature piuttosto frequenti…un sito che non si carica, informazioni poco accurate, mancanza di obiettivi di marketing precisi. Sono solo alcuni dei segnali che indicano che qualcosa non sta andando per il verso giusto. Direi che un piccolo check-up sulla propria azione di marketing aiuti a non prendere delle decisioni affrettate, scelte che possono provocare conseguenze dolorose.