20/08 2019

Condividi


Categoria

FORFETTARI: L’AGENZIA DELLE ENTRATE CI METTE UNA “LENTE DI INGRANDIMENTO”!

Articolo scritto da ed è stato letto 499 Volte

Prima puntata su: Circolare AdE n. 19 del 08 agosto 2019 “Indirizzi operativi e linee guida sulla prevenzione e contrasto dell’evasione fiscale e sull’attività relativa alla consulenza, al contenzioso e alla tutela del credito erariale”.

Dal 2019 la platea dei forfettari sì è ampliata. L’agenzia delle entrate ha pubblicato la circolare n. 19/2019 con la quale ha fornito varie istruzioni in merito alle future linee strategiche per i controlli da effettuare nel triennio 2019-2021. Si tratta di 53 pagine di indirizzi operativi, delle quali tratteremo con vari articoli. Dedichiamo la prima puntata alla platea delle partite Iva dei forfettari (pagina 12 della circolare). La circolare conferma quanto già sostenuto in varie occasioni dai commercialisti, ossia l’attenzione da porre sull’opzione di tale regime solo e solamente se il contribuente ne ha i requisiti. Recita infatti la circolare quanto segue: “con l’estensione della platea dei potenziali beneficiari, dovranno essere messi in campo una serie di presidi finalizzati a evitare che possano accedere illegittimamente al regime soggetti che non posseggono i requisiti prescritti dalla legge“. La circolare prosegue evidenziando che, nell’attività di selezione dei contribuenti da controllare, dovranno essere inseriti sia coloro che hanno adottato il regime per la prima volta nel 2019, sia quanti determinavano già precedentemente il reddito forfettariamente. L’agenzia delle entrate sottolinea come oggi, con la fatturazione elettronica, i dati siano disponibili in tempo reale. Sarà pertanto piuttosto semplice intercettare potenziali fenomeni evasivi attraverso l’incrocio delle informazioni presenti all’anagrafe tributaria. 

Si ribadisce pertanto l’importanza di verificare in maniera del tutto puntuale la legittimità di accesso e di permanenza in tale regime.