Digital Transformation per le PMI

Indice dei contenuti

Scoprite come ottenere gli incentivi per la trasformazione digitale delle imprese con il nuovo bando Digital Transformation.

Come accedere al bando Digital Trasnformation
Come accedere al bando Digital Trasnformation

Ogni giorno andiamo incontro a cambiamenti di ogni ordine, specialmente quelli di tipo digitale. Ecco che è fondamentale conoscere i bandi e i contributi di cui potreste usufruire o condividere con chi gestisce un’attività e potrebbe giovare di qualche aiutino economico come questo:

BANDO DIGITAL TRANSFORMATION

Questa è una delle molteplici opportunità che potrete usufruire, ma affrettatevi perché le risorse non sono infinite e potrebbero esaurirsi a breve.

Se invece vi interessa conoscere tutte le scadenze relative ai bonus edilizi visitate il nostro articolo.

Digital Transformation: digitalizzazione dei processi produttivi

La prima tipologia di finanziamento che vogliamo proporvi ha a che fare con la

trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi.

Niente a che vedere con il Fondo Nuove Competenze o la formazione 4.0.

Si tratta di un incentivo promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico e gestito da Invitalia per l’erogazione di un contributo a fondo perduto per programmi di spesa minima di € 50.000 inerenti alle seguenti tipologie di investimento:

  • tecnologie abilitanti individuate dal Piano Nazionale Impresa 4.0;
  • soluzioni tecnologiche digitali finalizzate all’ottimizzazione della gestione del lavoro, acquisto di software applicativi e piattaforme, e-commerce, utilizzo di sistemi di pagamento e tecnologia finanziaria, acquisto di sistemi per lo scambio dati, la geolocalizzazione ecc.

Insomma potreste realizzare un bel progettino!

Non fatevi impaurire dai paroloni!

Destinatari e requisiti

Possono richiedere il contributo le PMI regolarmente iscritte nel Registro delle Imprese che operano prevalentemente

nel settore manifatturiero, dei servizi diretti alle imprese manifatturiere, nel settore turistico e/o nel settore del commercio.

Inoltre per poter accedere al bando devono soddisfare questi altri tre requisiti:

  • aver conseguito, nell’ultimo bilancio depositato e approvato, un importo dei ricavi delle prestazioni e delle vendite pari a € 100.000;
  • disporre di almeno 2 bilanci depositati e approvati al Registro delle Imprese;
  • non essere sottoposte a procedura concorsuale e non trovarsi in stato di fallimento, liquidazione, amministrazione controllata, concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente.

L’agevolazione può essere concessa sulla base di una percentuale pari al 50% dei costi e delle spese ammissibili di cui

10% sotto forma di contributo e 40% sotto forma di finanziamento agevolato.

Resta il fatto che il progetto presentato deve riguardare attività produttive situate sul territorio italiano e prevedere una spesa massima di € 500.000.

I progetti possono essere avviati solamente

successivamente alla presentazione della domanda e una durata di max 18 mesi dalla data della concessione dell’agevolazione.

Come presentare la domanda e dove?

La domanda andrà presentata telematicamente sul sito ufficiale di Invitalia a cui potrete accedere a questo link qui 👇

https://appdit.invitalia.it

e disporre di Firma digitale, SPID e PEC.

Le domande possono essere presentate fino al 30 giugno 2023, ma affrettatevi perché potreste non trovare più questi finanziamenti.

Se invece avete difficoltà e sentite il bisogno di ricevere una consulenza in merito,

contattateci

per conoscere l’eventuale sussistenza dei requisiti della vostra azienda, inviandoci una e-mail all’indirizzo:

segreteria@studiopietrella.it

Formuleremo un preventivo per il relativo costo e vi assisteremo passo passo nell’invio della domanda.

P.S.: Nelle prossime settimane pubblicheremo altri tre bandi operativi in questi primi mesi del nuovo anno.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Orari Studio

Lunedì – Venerdì 9,00 /19:30

Per Appuntamenti

Ultimi Post

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Autore dell'articolo