Creazione d’impresa nell’area fermano-maceratese

Indice dei contenuti

Contributi a sostegno alla creazione d’impresa nell’area di crisi complessa fermano-maceratese.

Creazione d'impresa nell'area di crisi complessa fermano-maceratese
Contributi a sostegno alla creazione d’impresa

Creazione d’impresa nell’area fermano-maceratese: beneficiari

I beneficiari destinatari dell’intervento sostegno alla creazione di impresa nell’area di crisi complessa Fermano Maceratese sono disoccupati che intendano avviare un’attività di impresa o uno studio professionale, iscritti al centro per l’impiego competente e appartenenti a “categorie svantaggiate” aventi uno dei seguenti requisiti:

  • essere residenti in uno dei comuni che costituiscono l’area di crisi complessa del Distretto delle Pelli – Calzature Fermano – Maceratesi;
  • essere disoccupati da almeno 6 mesi;
  • avere un’età compresa tra i 18 e i 24 anni;
  • avere un’età superiore ai 50 anni.

Ammissibilità:

Saranno finanziate le nuove imprese o i nuovi studi professionali singoli e/o associati, e/o liberi professionisti che abbiano al momento della liquidazione, sede legale e sede operativa nelle aree di Crisi complessa e che si costituiscono DOPO la presentazione della domanda da parte del richiedente.

Ciascuna impresa può accedere al massimo a n. 1 finanziamento per un importo massimo di euro 35.000, che sarà corrisposto in due tranche.

La durata dei progetti è fissata in 12 mesi dall’ammissione al finanziamento, fatta salva la possibilità di chiedere una proroga motivata di ulteriori 60 giorni.

Presentazione delle domande:

dal 1° ottobre 2020 al 31 ottobre 2020, per proseguire con le successive finestre mensili fino alla scadenza.

Scadenza: 31 dicembre 2021 (fino a esaurimento dei fondi)

Per conoscere le opportunità del fondo perduto B2B digital markets cliccate qui.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Orari Studio

Lunedì – Venerdì 9,00 /19:30

Per Appuntamenti

Ultimi Post

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Autore dell'articolo