Chiesa Valdese

Indice dei contenuti

Scoprite come presentare un progetto alla Chiesa Valdese con il bando dell’Otto per mille valdese valido sia in Italia che all’estero.

Presentare un progetto alla Chiesa Valdese
Presentare un progetto alla Chiesa Valdese

Dedicare un pensiero a coloro che amiamo rinvigorisce l’animo e fa risplendere quella piccola lucina dentro di noi che molto spesso resta silente e non riesce a esprimersi come si deve.

Con questo breve pensiero vi introduciamo il quarto e ultimo bando attivo in questo nuovo anno:

il bando Otto per mille della Chiesa Valdese

Entriamo nel dettaglio.

Chiesa Valdese: Otto per mille

Il bando che vorremmo sottoporvi riguarda una proposta di finanziamento della Chiesa Evangelica Valdese per tutti quegli

organismi associativi

(associazioni, comitati e cooperative sociali)

 che operano senza scopo di lucro, sia che questi si trovino sul territorio italiano che all’estero, nell’ambito degli interventi sociali, assistenziali, umanitari e culturali.

Destinatari del bando sono inoltre gli enti facenti parte l’ordinamento metodista e valdese.

Investire nella solidarietà

Attraverso i fondi dell’Otto per Mille, possono essere finanziati le seguenti tipologie progettuali:

  • assistenza sociale e sanitaria;
  • interventi educativi;
  • culturali e di integrazione;
  • programmi di sostegno allo sviluppo e di risposta alle emergenze umanitarie;
  • ambientali e climatiche;

purché

apportino benefici ad una collettività e siano privi di finalità lucrative.

All’interno delle Linee guida viene inoltre specificato che qualora la partecipazione alle attività richieda il versamento di una quota o l’acquisto di un biglietto da parte dei beneficiari, occorre indicare e illustrare tale peculiare circostanza all’interno della sezione “Descrizione del progetto”.

Quale documentazione è richiesta per presentare l’istanza?

Per quanto concerne le realtà associative registrate in Italia, sono richiesti i seguenti documenti:

  1. Atto costitutivo o scrittura privata autenticata o registrata;
  2. Certificato di attribuzione del codice fiscale;
  3. Statuto vigente dell’ente capofila;
  4. Bilanci o rendiconti finanziari relativi agli esercizi 2020 e 2021, con nota integrativa e/o relazione sulla gestione;
  5. Atti di approvazione dei bilanci consuntivi o dei rendiconti finanziari degli esercizi 2020 e 2021;
  6. Modello dichiarazione della ritenuta.

Una volta acquisiti, questi andranno caricati nella domanda.

All’interno della sezione “Progetto e richiesta di finanziamento” occorrerà inserire:

  1. lo Statuto;
  2. la lettera di adesione al progetto;
  3. l’atto di proprietà e/o il titolo di disponibilità del bene immobile interessato dall’intervento, in caso di interventi di manutenzione straordinaria e/o ristrutturazioni e/o costruzioni su immobili o terreni;
  4. il preventivo di spesa regolarmente predisposto dal fornitore (per i progetti realizzati in Italia) per spese di entità superiore o uguale a € 15.000.

Presentazione delle istanze e scadenza

Come anticipato il bando della Chiesa Valdese non è ancora attivo ma lo sarà a partire dal 5 gennaio 2023 fino al 27 gennaio. La valutazione delle domande avverrà in ordine cronologico.

Le domande andranno presentate telematicamente registrandosi sulla piattaforma Juno – Otto per Mille alla Chiesa Valdese a cui puoi accedere cliccando su questo link in basso 👇

https://juno.chiesavaldese.net/

Qui avrete la possibilità di caricare il vostro progetto sia in lingua italiana che in lingua inglese!

Se invece avete difficoltà e sentite il bisogno di ricevere una consulenza in merito,

contattateci

circa l’eventuale sussistenza dei requisiti della vostra associazione, inviandoci una e-mail all’indirizzo:

segreteria@studiopietrella.it

Formuleremo un preventivo per il relativo costo e vi assisteremo passo passo nell’invio della domanda.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Orari Studio

Lunedì – Venerdì 9,00 /19:30

Per Appuntamenti

Ultimi Post

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Autore dell'articolo