Bonus trasporti: ecco come richiederlo

Indice dei contenuti

Il Ministero delle Infrastrutture mette a disposizione un contributo per richiedere il bonus trasporti. Di seguito le istruzioni su come ottenerlo.

bonus trasporti come richiederlo
Bonus trasporti: come richiederlo

Operativo già dal 1° settembre fino al 31 dicembre 2022 un nuovo contributo fruibile per coloro che utilizzano i mezzi pubblici.

Introdotto dal Dl Aiuti il bonus trasporti è accessibile con un semplice click.

Nelle prossime righe vi illustreremo le modalità di accesso e i soggetti beneficiari che possono presentare la domanda.

Su questo argomento potrebbe interessarvi il nuovo bando destinato alle aree sisma che potete visualizzare qui.

Il bonus trasporti in dettaglio

Si tratta di un’agevolazione disposta dal Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili (Mims) che permette di ricevere un contributo massimo pari a €60/mese per l’acquisto di abbonamenti per i servizi di trasporto pubblico e ferroviario nazionale.

Sono esclusi dal buono i servizi di prima classe, executive, business.

È stato proprio lo scorso Decreto Aiuti a offrire questa opportunità in risposta alla crescita dei prezzi del carburante.
Il decreto interministeriale dello scorso 22 agosto definisce con maggiore chiarezza le modalità generali di erogazione del buono.

Essendo un bonus nominativo, questo sarà utilizzabile per

UN SOLO

abbonamento (annuale, mensile) acquistabile nel periodo di interesse: dunque la validità è limitata al mese solare di emissione, anche se riguarda l’acquisto di un abbonamento annuale o mensile da attivare a partire dal mese successivo.

Bonus trasporti: beneficiari

Possono presentare la richiesta tutti quei cittadini (studenti, lavoratori, pensionati, ecc.) che usufruiscono di mezzi pubblici locali, regionali o interregionali.

Sono ammessi coloro che dispongono già di un abbonamento attivo ma anche chi è in fase di sottoscrizione

purché dispongano di un reddito ai fini IRPEF relativo al 2021 inferiore a € 35.000.

Inoltre il bonus trasporti potrà essere richiesto

per sé stessi

oppure

per un cittadino minorenne a proprio carico,

fruibile presso UN SOLO gestore dei servizi di trasporto pubblico.

Come richiederlo

Attraverso la piattaforma telematica, attiva già dal 1° settembre, è possibile effettuare diverse operazioni:

  • presentare la domanda per ottenere il bonus di 60 euro;
  • gestire le richieste e l’emissione dei buoni;
  • verificare i rimborsi ai gestori.

L’accesso al portale è possibile solo tramite SPID o CIE (carta d’identità elettronica).

In fase di registrazione verranno richieste una serie di informazioni ovvero:

  • i dati del richiedente (nome, cognome e codice fiscale);
  • qualora il beneficiario sia minorenne, l’attestazione che il minore sia a carico del soggetto richiedente;
  • reddito complessivo 2021 (certificabile con autodichiarazione) che non deve superare €35.000.

Nella richiesta andranno indicati infine:

  • l’importo del buono richiesto a fronte della spesa prevista,
  • il gestore del servizio di trasporto pubblico che si intende utilizzare (massimo €60/mese)

Il buono verrà emesso direttamente sul portale, visionabile dal gestore dei servizi che potrà verificarne la validità.

Qualora sia tutto in ordine, l’abbonamento sarà erogato e lo stesso gestore provvederà a registrare sul portale l’utilizzo del buono, indicando l’importo fruito.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Orari Studio

Lunedì – Venerdì 9,00 /19:30

Per Appuntamenti

Ultimi Post

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Autore dell'articolo