Anomalie bancarie: III° Convegno annuale

Indice dei contenuti

La città di Ancona ha ospitato il III° convegno dedicato all’approfondimento delle anomalie bancarie.

Anomalie bancarie il convegno
III° Convegno annuale sulle anomalie bancarie

Si è svolto ieri il III° convegno annuale sulle anomalie bancarie presso la loggia dei mercanti di Ancona.

Il programma

Un evento unico nato con l’obiettivo di creare un dialogo costruttivo tra istituzioni, imprese, professionisti e banche.

I relatori hanno fatto luce su temi che oggi non possiamo sottovalutare con un confronto aperto e un approccio costruito sulla presentazione di casi reali.

Attraverso l’esame di tali casistiche si è voluto guidare i partecipanti verso la risoluzione delle problematiche nelle operazioni di verifica di anatocismo e usura nei rapporti di
conto corrente, mutuo e leasing.

A questo si aggiunge un approfondimento sulle questioni legate all’analisi di interessi, commissioni e spese applicate dalla banca e ai relativi criteri di ricalcolo in relazione alla strategia di recupero.

Ringraziamenti

Si ringraziano tutti i partecipanti che hanno reso magnifica questa giornata di studio piena di contenuti. Particolare omaggio anche i relatori che hanno contribuito con argomenti di spessore e di estrema attualità. Si ringraziano tutti gli sponsor che hanno contribuito a sostenere questo progetto, in particolare il main sponsor Banca Mediolanum Private banking Aurelio Zangheri.

Nella speranza di rivederci tutti il prossimo anno, l’augurio per il futuro è che gli interventi siano la base di nuovi spunti di riflessione e che rimanga l’entusiasmo di costruire eventi ed occasioni così significativi.

Foto scattata al momento della presentazione del convegno
Diego Fusaro con i relatori del pomeriggio

Per conoscere i dettagli sul convegno dedicato ai rapporti banca-imprese cliccate qui.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Orari Studio

Lunedì – Venerdì 9,00 /19:30

Per Appuntamenti

Ultimi Post

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Autore dell'articolo