Commercialista online: come gestire la fiscalità della tua attività sul web

Indice dei contenuti

Scopri come un commercialista online ti possa aiutare a stare al passo degli adempimenti fiscali della tua attività sul web, dall’e-commerce all’Affiliate Marketing, da Amazon FBA al Self Publishing passando per il Dropshipping e le professioni innovative di ultima generazione.

Commercialista per attività online e professioni innovative
Gestire la fiscalità delle attività su internet

Come scegliere il commercialista per la tua attività online?

Se sei qui, probabilmente ti stai domandando quale sia il commercialista adatto per gestire al meglio la tua attività online.

Se ci pensi bene, siamo nel futuro.

Molti imprenditori lanciati in business “innovativi come…

  • E-commerce
  • Affiliate Marketing
  • Amazon FBA
  • Self Publishing
  • Dropshipping
  • Network Marketing

… o impegnati in attività “recenti come…

  • Copywriter
  • SEO Specialist
  • Social Media Manager
  • Youtuber
  • Influencer
  • Ecc.

… spesso si ritrovano di fronte al commercialista che li fissa con l’aria attonita di chi si domanda: “ma di cosa stiamo parlando?”.

Il mondo è andato avanti e capita sempre più spesso di vedere clienti che spiegano al commercialista come funziona il loro business online…

… piuttosto che ricevere consigli da parte del loro consulente che arranca in difficoltà.

Fortunatamente, sempre più commercialisti hanno capito l’importanza delle attività in rete di ultima generazione.

Infatti, lo Studio Pietrella e Brué è sempre all’avanguardia nel gestire qualsiasi aspetto fiscale delle attività online innovative.

E allora…

… come scegliere il tuo “commercialista telematico”?

La risposta è racchiusa nelle specifiche competenze del professionista e nel suo livello di aggiornamento sulla fiscalità delle attività online. Ecco qualche esempio di cosa può fare per te un commercialista specializzato in attività web innovative.

Commercialista online per E-commerce

Il commercio tradizionale soffoca nelle sabbie mobili.

L’e-commerce vola in alto e respira a pieni polmoni.

Per e-commerce (commercio elettronico) si intende qualsiasi attività commerciale che utilizza il canale telematico internet.

Come per le attività commerciali “nel mondo reale”, attraverso l’e-commerce è possibile vendere beni sia fisici (libri, scarpe…) che digitali (software, infoprodotti…), nonché servizi  di vario genere (viaggi, consulenze…).

Il commercio elettronico si divide in:

  • E-commerce diretto: si vendono prodotti digitali la cui intera transazione avviene per via telematica
  • E-commerce indiretto: si vendono prodotti fisici per corrispondenza, la cui transazione si conclude nel modo reale con la consegna del bene

Inoltre è doveroso distinguere i casi di:

  • Vendita occasionale
  • Vendita professionale

Gli adempimenti fiscali per l’E-commerce

Una volta inquadrata la tua attività di commercio elettronico, è bene comprendere qual è il regime fiscale più vantaggioso.

Ad ogni modo, chi vende in via continuativa beni e servizi online produce reddito d’impresa, pertanto è soggetto alla tassazione prevista in base alla categoria reddituale…

… e tutti gli adempimenti sono equiparati al commercio tradizionale offline.

E lo stesso vale per gli obblighi formali come l’iscrizione al Registro delle Imprese, la tenuta delle scritture contabili e il rispetto degli adempimenti fiscali.

A differenza di chi opera offline, chi vende beni tangibili per corrispondenza tramite sito web, deve seguire la normativa sulle vendite a distanza espressa nel Dlgs 185 del 22 maggio 1999.

Per farla breve, il decreto contempla il diritto di recesso, il dovere di fornire una chiara informativa, l’obbligo di esporre la P.IVA all’interno del proprio sito web e la possibilità di essere assoggettati all’imposta italiana in determinati casi di vendita a distanza in Stati comunitari.

Infatti, quando si decide di vendere all’estero, bisogna prendere in considerazione anche gli adempimenti IVA dei vari paesi del mondo che “ospitano” la nostra attività.

In più, è di fondamentale importanza seguire e applicare norme specifiche e osservanze che variano in base ai prodotti venduti e alle modalità di vendita. Ad ogni modo, se hai un e-commerce e ti serve aiuto, allora richiedi pure una consulenza gratuita. Saremo felici di darti una mano.

Commercialista online per Affiliate Marketing

Semplificando, “Affiliate Marketing” significa vendere beni e servizi utilizzando siti esterni, detti affiliati.

Nell’affiliate marketing ci sono 3 attori in scena:

  • Il produttore che mette a disposizione i prodotti da pubblicizzare
  • L’affiliato che promuove il prodotto o servizio del produttore attraverso i suoi canali online (blog, sito web, pubblicità a pagamento online ecc.)
  • Il network di affiliazione, ossia la piattaforma che mette in relazione il produttore con l’affiliato (ad esempio Awin e Tradedoubler)

Gli adempimenti fiscali per l’Affiliate Marketing

Quando si intraprende questa attività, il dubbio è se aprire subito la partita IVA o aspettare un po’.

Questo dipende da quanto sia occasionale o meno la tua attività di Affiliate Marketer.

Non solo.

In fase di start-up, l’Affiliate Marketing potrebbe essere un’attività a “lento rilascio poiché, in alcuni casi, ci vuole tempo a produrre e ottimizzare i contenuti di vendita dei prodotti o servizi individuati.

In questa sessione è molto difficile demarcare la linea di confine tra l’hobby e l’attività commerciale.

Ad esempio, quanto tempo potrebbe passare prima di riuscire a posizionare “in alto su Google” un blog che parla di informatica così da consigliare dei software ai tuoi lettori all’interno dei tuoi articoli per intascare una percentuale sull’eventuale acquisto?

È proprio per questo motivo che la maggior parte dei neofiti che si cimenta nell’Affiliate Marketing preferisce non aprire da subito la partita IVA a favore della prestazione occasionale.

C’è da dire che, in caso di un controllo dell’Agenzia delle Entrate è difficile comprovare l’occasionalità dell’Affiliate Marketing, poiché un sito è online 24/7…

… sempre che non si riesca a documentare di percepire guadagni irrisori.

Quindi, cosa fare?

In un primo momento si potrebbe valutare di aprire una partita IVA in regime forfettario.

Riguardo gli obblighi contributivi, chi fa Affiliate Marketing ha gli stessi oneri di una ditta individuale tradizionale, tra cui aprire la partita IVA, iscriversi al registro delle imprese della Camera di Commercio e all’INPS.

Commercialista online per Dropshipping

Il dropshipping è un sistema di commercio elettronico senza gestione del magazzino.

In pratica, il rivenditore affida lo stoccaggio e la spedizione della merce al produttore, senza l’obbligo di acquistare in anticipo e conservare i prodotti a sue spese.

Così, il rivenditore fa marketing tramite il suo E-commerce, aggancia il cliente, gli vende il prodotto e incassa il corrispettivo.

A questo punto, comunica l’ordine ricevuto al suo fornitore (dropshipper) che lo prepara, lo imballa e lo spedisce al cliente del rivenditore.

Attenzione! L’ordine sarà imballato esponendo il logo aziendale del rivenditore, non del produttore, come se la spedizione fosse curata dal venditore stesso.

Il produttore non compare proprio a livello di immagine.

Il venditore, a transazione avvenuta, pagherà la somma concordata al produttore, trattenendo per se la differenza rispetto al prezzo cui l’ha venduto al suo cliente.

Il dropshipping è vantaggioso perché azzera i costi di magazzino e spedizione anticipati, abbattendo il rischio d’impresa.

Le difficoltà nascono quando i margini sono bassi o quando il produttore non concede l’esclusiva dei suoi prodotti.

Gli adempimenti fiscali per il Dropshipping

Trattandosi di un’attività continuativa, così come per l’e-commerce, è necessario assolvere diversi adempimenti quali l’apertura della Partita IVA, l’iscrizione alla camera di commercio, l’iscrizione all’INPS come commerciante e la presentazione della SCIA per l’inizio dell’attività.

Commercialista online per Amazon FBA

Amazon FBA significa vendere un prodotto su Amazon con il proprio marchio.

In pratica, depositi un marchio, fabbrichi il prodotto (di solito in Cina), lo spedisci ai magazzini di Amazon e lo vendi sfruttando la sua logistica (stoccaggio, imballaggio, spedizione).

Per questo servizio, Amazon tratterrà una commissione sul prezzo di vendita del tuo prodotto.

Attenzione! Non si tratta di vendere prodotti di terzi (tipo le scarpe della Nike).

Parliamo proprio di vendere un prodotto tutto tuo, dalla produzione al brand.

Gli adempimenti fiscali per Amazon FBA

Chi vende utilizzando Amazon FBA preferisce aprire la partita IVA in regime forfettario, come per l’affiliate marketing o il dropshipping.

In questo caso è opportuno valutare se non convenga puntare su una Srl.

Questo perché, essendo i prodotti fabbricati proprio dal venditore, in caso di malfunzionamenti che arrechino danni alle persone, non è consigliabile mettere in pericolo il proprio capitale sociale in caso di risarcimenti non coperti dall’assicurazione.

Inoltre, Amazon FBA – pur essendo equiparabile ai business di cui abbiamo parlato fin ora – prevede particolari normative secondo il paese in cui si decide di improntare la propria attività.

Ed è per questo motivo che lo Studio Pietrella e Brué analizza la situazione del singolo venditore consigliando la strada migliore in fatto di adempimenti fiscali.

Commercialista online per Self Publishing

Self publishing è sinonimo di usufruire del servizio Amazon Kindle Direct Publishing che permette di produrre, pubblicare e vendere il tuo libro direttamente sul marketplace di Amazon.

Così, chiunque può pubblicare il proprio libro a costi irrisori con la possibilità di venderlo nel mondo intero.

Non solo.

Alcuni imprenditori si fanno scrivere i libri da ghostwriters professionisti per poi rivenderli come farebbe una casa editrice.

Una volta sostenuto l’investimento iniziale per far scrivere il libro e i costi fissi di stampa e distribuzione (in caso di prodotto cartaceo), i guadagni sono potenzialmente illimitati nel tempo.

L’apparente semplicità di questo business attira sempre più imprenditori in cerca di opportunità con l’esca di guadagni facili e veloci.

Le cose non stanno esattamente così, tuttavia, il self publishing è un business molto interessante per cui c’è bisogno di un commercialista molto preparato.

 Gli adempimenti fiscali per il Self Publishing

Anche per il self publishing gestito in maniera imprenditoriale, occorre la partita IVA, subito appena si parte con l’attività.

È necessaria non solo perché si tratta di un lavoro continuativo (il libro è online 24/7), ma perché serve a intrattenere rapporti commerciali con Amazon, ghostwriters, grafici, ecc.

Come per le altre attività di cui abbiamo abbondantemente parlato, bisogna aprire la partita IVA, compilare la SCIA, iscriversi al Registro delle Imprese e all’INPS per i commercianti.

Attenzione, però!

Nel caso delle pubblicazioni indirette attraverso piattaforme come Amazon KDP, Youcanprint, e così via, è proprio la piattaforma a gestire l’intero processo editoriale, come da apposito contratto.

In questo modo, l’autore rimane estraneo da ogni attività editoriale, la piattaforma incassa i proventi e riconosce all’autore le royalties corrispondenti alle vendite.

Così, senza la produzione editoriale, l’autore non svolge attività economica e potrebbe non aver bisogno di aprire la partita IVA.

Nel Self Publishing le normative cambiano in continuazione, pertanto è bene farsi seguire da un commercialista sempre aggiornato per valutare se e quando aprire o modificare la propria posizione fiscale.

Dove trovare un commercialista per attività online

Lo Studio Pietrella e Brué è sempre all’avanguardia nel gestire la fiscalità delle attività di ultima generazione.

Che tu sia un imprenditore impegnato in Affiliate marketing, Amazon FBA, Self Publishing, E-commerce, Dropshipping, Network Marketing…

… o che tu sia un libero professionista che lavora come Copywriter, SEO Specialist, Social media Manager, Youtuber, Influencer o altre attività dei “nostri giorni”…

… probabilmente hai bisogno di un commercialista che conosca davvero bene il tuo settore e tutti i suoi continui aggiornamenti.

Se ti fa piacere ricevere una CONSULENZA GRATUITA per comprendere come inquadrare la tua attività online a livello fiscale chiama subito il 0733 493 358.

Fisseremo subito un appuntamento telefonico o in video chiamata entro 24 ore per comprendere le tue esigenze fiscali e di cosa hai realmente bisogno per massimizzare al meglio i guadagni della tua attività online.