22/09 2020

BANDO SISTEMI DI SICUREZZA 2020

Articolo scritto da ed è stato letto 5194 Volte

Contributi a favore di programmi di sostegno agli investimenti per la riqualificazione e il potenziamento dei sistemi e degli apparati di sicurezza nelle imprese commerciali.

Scadenza: 30 settembre 2020

Possono presentare domanda le imprese del commercio e della somministrazione di alimenti e bevande iscritte nel Registro delle imprese con sede o unità locale operativa nella Regione Marche.

Non rientrano tra i soggetti beneficiari le imprese che svolgono le seguenti tipologie di attività:

  1. tra le attività commerciali:
  • attività di vendita non rivolte al pubblico (spacci interni, distributori posti in luoghi privati);
  • attività di vendita di merci prodotte in proprio (agricoltori, artigiani, ecc.);
  • attività che prevedono trasformazione di prodotti;
  • attività di commercio su aree pubbliche che non operano con strutture stabilmente fissate al suolo quali box o chioschi;

2. tra le attività di somministrazione di alimenti e bevande:

  • attività svolte da circoli privati e mense (quindi ad uso interno o comunque limitato a determinate categorie ed utenze);
  • attività artigianali per la produzione propria;

3. le forme speciali di vendita di cui alla L.R. n. 27/2009 – titolo II – Capo I – Sezione II.

Sono ammissibili al contributo regionale i progetti relativi all’acquisto ed all’installazione di sistemi di sicurezza attivi o passivi agli esercizi commerciali, situati nel territorio della regione Marche, collegati o da collegare con le forze dell’ordine e/o istituti di vigilanza.

Non sono, però, ammissibili interventi di edilizia se non strettamente legati all’installazione.

Il contributo è fissato nella misura del 40% della spesa ammissibile in conto capitale sulla base delle risorse disponibili e fino ad esaurimento del fondo.
Non può comunque superare € 5.000,00 per ogni impresa beneficiaria.

La spesa ammissibile riferita agli investimenti al fine dell’ottenimento del contributo, al netto di IVA, non può essere inferiore a € 2.500,00.

Gli investimenti devono essere di nuova fabbricazione e non sono ammessi quelli realizzati mediante operazioni di locazione finanziaria (leasing).